Il gatto nero !!!

Mi dispiace di annoiarvi ma il mio viaggio nella festa di Halloween continua… Oggi con i gatti neri. C’è stato un periodo buio di ignoranza e malafede in cui i gatti erano considerati un terribile nemico da abbattere. La gente accecata dalla superstizione , dagli insegnamenti sbagliati di chi la governava e dal terrore per l’ignoto, sfogava paure e malcontento contro i poveri animali indifesi.  Dal momento che per secoli questi animali erano stati oggetto di culto da parte dei pagani, la Chiesa cristiana pensò bene di farne il simbolo dei nemici della fede, e così divennero l’incarnazione del diavolo. Nacquero in quel periodo una quantità di leggende e storie fantasiose che dipingevano il gatto, specie se di pelo nero, come un famelico mostro divoratore di anime. San Domenico, ad es., identificò Satana proprio con un gatto nero. Sta scritto negli atti della canonizzazione del santo che un testimone lo vide scacciare un enorme gatto nero con gli occhi fiammeggianti e con una lingua fatta di fuoco. Un’altra leggenda narra che il diavolo costruì un ponte e reclamò per se la prima creatura che lo avesse attraversato, ma San Cadoco lo ingannò dandogli un gattino nero invece dell’essere umano. E si potrebbe continuare con fatti veramente accaduti: nel 1484 papa Innocenzo VIII decretò la caccia alle streghe; anche solo dar del cibo ad un gatto era sufficiente perchè una donna venisse accusata di pratiche diaboliche. In Europa, dal 1000 al 1700 milioni di gatti sono stati massacrati perchè ritenuti creature demoniache.Ma, il gatto è anche un cacciatore di …ratti,  quando le difese contro i topi vennero meno incominciò a dilagar  la terribile epidemia di peste bubbonica, che in Europa provocò la morte di circa 20 milioni di persone. Ancora oggi è diffusa la credenza che i gatti neri portino sfortuna : se un gatto nero ti attraversa la strada!!!

Invece,i miei gattini di lana sono dei portafortuna.

Gatto su zucca per calamita frigo

SPIEGAZIONE
Spero sia chiara, l’ho tradotta da uno schema americano
Occorrente: cotone nero, cotone arancione, feltro nero, poche gugliate di cotone bianco, nastrino raso colorato, occhietti mobili.
Zucca (farne 2)
1° giro: con l’arancione avv. 16 cat. e lav. 1 m.b. nella 2nda cat. dall’uncinetto, 1 m.b. nelle 3 cat. succ., 1 m.m.alta nelle 9 cat. seguenti, 1 m.b. nelle 2 cat. restanti. Girare (15 m.)
2°- 7° giro: 1 cat. Lav. solo sul dietro della m.b. 1 m.b. nei 4 punti successivi, 1 m.m.alta nei 9 punti seguenti, 2 m.b. nei 2 punti restanti. Girare.
8° giro: 1 cat. Lav. solo sul dietro della m.b.,4 m.b., 9 m.m.alte, 2 m.b. Non girare. Lav. 5 m.b. riprendendo le maglie su quelle finali degli 8 giri, continuare con 14 m.b. sulle 15 cat. iniziali, chiudere con 1 m. bass. e tagliare il filo.
Testa gatto davanti
1° giro: con il nero. Formare un anello e lav. 10 m.b. all’interno, chiudere con una m.bass. e tirare il filo.
2° giro: 1 cat. lavorare 2 m.b. in ogni m.b. (20 m.)
3° giro. 1 cat. *2 m.b. nella prima m., 1 m.b. nella successiva* ripetere da * a * per tutto il giro. (30 m.)
4° giro: *2 cat., saltare la m.b. seguente, 1 m.b. nella m. dopo*, rip. 2 volte. 1 m.b., 1 m.m.alta, 1 m.a., 3 cat. 3m. bass. 3 cat., 1 m. a., 1 m.m.alta, 1 m.b., 1 m.bass. (orecchie). *2 cat., saltare una m., 1 m.bass.* rip. da * a* 2 volte. Chiudere.
Testa gatto dietro
Rip. dal 1° al 3° giro della testa davanti.
4° giro:  1m.b., 1 m.m.alta,1 m. a.,3 cat., 3 m.bass., 3cat., 1 m.a., 1 m.m.alta, 1 m.b., 1 m.bass. (orecchie). Chiudere.
Cucire le due teste insieme, rovescio contro rovescio, facendo combaciare le orecchie. Cucire rovescio contro rovescio i 2 pezzi della zucca, inserendo  una leggera imbottitura e contemporaneamente attaccando la testa all’interno della sommità della zucca.
Coda
Con il cotone nero lav.  una cat. di 19 m. 1m.b. nella 2nda m. dall’uncinetto, 1 m.b. nelle successive 6 cat., 2 m.b. insieme, 4 m.b., 3 m.b. nella stessa cat., 3 m.b., 3 m.b. nella stessa cat.
Zampe
1° giro: con il cotone nero lavorare 10 mb. in un anello, non girare.
2° giro: * 2cat., saltare il prossimo punto, una m.bass. nel punto seguente * rip. da * a* per 2 volte.
Cucire la coda dietro la zucca, in basso. Cucire le zampe ai lati della zucca. Preparare un fiocchetto con il raso e incollarlo alla base del collo del gatto, sopra la cima della zucca. Ritagliare nel feltro tre triangolini per gli occhi e il naso della zucca e una bocca, ed incollarli in posizione. Inserire tre fili di cotone bianco al centro della testa del gatto, per i baffi, incollare sopvrapposti due tondini di feltro sull’incrocio dei baffi, per il muso. Ricamare il naso sopra il muso, con il cotone bianco a punto nodini. Incollare due occhietti mobili. Finire attaccando sul retro una calamita.

E per finire un mini-gattino semplice-semplice da far fare ai bambini.

CORPO
1° giro:  Con della lana nera lav. 5 m.b. in un anello, tirare il filo.

2° giro: 2 m.b. in ogni m. Chiudere con 1 m.bass. sulla prima m.
3° giro: 1 m.b. in ogni punto. Tagliare il filo.
TESTA
1° giro: 5 m.b. in un anello, tirare il filo.
2° giro: 2 m.b. in ogni m. Chiudere con 1 m.bass nella prima m.
3° giro:  *3 cat., 1 m.m.alta nella 2nda cat. dall’uncinetto, 1 m.m.alta nella cat. seguente, 2 m.bass. nelle m. successive * rip. da * a* per 2 volte. (orecchie). Tagliare il filo
CODA: 6 cat. 1 m.b. nella 2nda dall’uncinetto e nelle restanti cat. Tagliare il filo. Cucire la testa al corpo e attaccare la coda. Ricamare gli occhi e i baffi. 

Con la lana e l’uncinetto più grossi il gattino diventa gattone.
Intanto Tom-Tom cresce

I gatti non sono volutamente crudeli, sono carnivori, è nella loro natura catturare topolini, ratti, uccelli. Se ami un gatto devi guardare dall’altra parte, accettare la sua natura e perdonarlo.
Annunci

10 thoughts on “Il gatto nero !!!

  1. Interessante la storia che hai raccontato Anna!!!
    Io non ce l'ho con i gatti,li rispetto in quanto sono animali,però non lo preferisco molto specie in casa!!!
    Fatti ad Amigurumi sono molto simpatici, anche a me è piaciuto quello a calamita ^_^
    Bravissima come sempre ^_^
    Buon inizio settimana
    Nunzia

  2. Conosco perfettamente (perchè ho letto molto) le storie che hanno arrostito le nostre nonne……
    Sei molto simpatica e i tuoi gattini tenerissimi, peccato che io sono una frana e non so lavorare all'uncinetto.

    🙂 buon pomeriggio Rita

  3. GUAI A CHI MI TOCCA I GATTI CHE SIANO SANTI O NON! L'ignoranza cara Anna è alla base di tutte le guerre, come in questo caso verso i gatti. Venezia senza i gatti non sarebbe Venezia e questa città deve ringraziare proprio loro se fu salvata dalla peste! E vogliamo parlare di come erano venerati dagli antichi Egizi? Io poi potrei dire di quanto sono sensibili e che hanno pure un sesto senso e nessuno meglio di me lo può raccontare. Questi tuoi micetti sono bellissimi e simpaticissimi, anche per il dopo Halloween. Paola

  4. Ma ne hai fatti per tutti i gusti ! complimenti Anna ,sono tutti belli ! io personalmente non amo i gatti,anche se sono cresciuta con i gatti in casa ( forse per questo ora li tengo a distanza ) non sono neanche superstiziosa comunque….ciao.

  5. Che meraviglia!! Questi gatti sono troppo belli e originali! Che simpatici! Grazie per la storia e per le spiegazioni, appena riesco proveró a fare il gatto calamita quello che mi ha colpito di più

  6. Che belli tutti quei mici, uno ha anche acchiappato un topino. Oro ho la cagnolina,e per me è una gradevole novità, perchè ho passato tutta la mia vita con i gatti che sono animali che amo molto, il piccolo Tom Tom ha un musetto da furbo…

  7. Pingback: Streghe e gatti neri!!! | ricreAnna - Creazioni all'uncinetto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...