Una borsa lunga un film: ovvero come lavorare un’audiocassetta a crochet !!!

Stamattina mio marito è partito per Modena, vi avevo detto che è Vigile del fuoco. Lo sapevamo che sarebbe andato, non è la prima volta, ma spero sia l’ultima. Adesso devo impedirmi di concentrarmi su questo pensiero…
Nel post precedente vi avevo invitato a capire di che cosa fosse fatta la borsa..

E’ realizzata con il nastro delle videocassette.  Nunzia ha indovinato, poi mi deve dire come le ha riconosciute, se le lavora anche lei. Si possono usare anche le audiocassette come per queste

Entrambi i materiali sono molto resistenti, ma essendo il nastro delle videocassette più largo il lavoro si completa prima. Non crediate che sia un’idea nuova, è solo che con Internet tutto è amplificato. Come per i sacchetti della spesa su un Rakam vecchissimo c’era la spiegazione per riciclarli così per le vecchie audiocassette, (nel 1976 le videocassette non esistevano!) in un numero di Grazia Bricolage, c’era la spiegazione per farne un gilet.
Annunci

7 thoughts on “Una borsa lunga un film: ovvero come lavorare un’audiocassetta a crochet !!!

  1. Ciao, ho proprio cannato!!! Complimenti comunque perchè è bella.
    Daniela

    *Grazie a tuo marito e i suoi colleghi per tutto il lavoro che fanno e che, faranno, per tutti noi, terremoto o no che sia, loro sono sempre persone importanti.

  2. ciao Anna,intanto grazie per la visita al mio blog e ricambio con vero piacere,ora devo farti i complimenti per i tuoi avori che sono davvero stupendi,tutti molto ben fatti, le collane poi sono fantastiche per non parlare delle calamite,mi sa che queste te le copierò questa estate,io amo le calamite ne ho un centinaio tutte attaccate al frigo,ma sono tutte comprate e queste tue mi piacciono un sacco.
    ti mando un abbraccio e un in bocca al lupo per tuo marito.
    a presto.
    P.S. ho risposto alla tua domanda nel mio blog

  3. Ciao Anna, eccomi qui anche io sono passata a trovarti, e per cominciare ringrazia tuo marito da parte di tutto il popolo italiano per il lavoro che fanno. Ora vado a curiosare nel tuo blog.
    Ciao e grazie di essere passata a trovarmi e di aver lasciato un commento.

    Tiziana

  4. Ciao Anna,ad essere sincera non ho mai provato a lavorare con i nastri delle VHS, però li ho riconosciuti dalla lucentezza,perche a differenza dei sacchetti neri della spazzatura sono più lucidi e danno più precisione al lavoro.
    Un in bocca al lupo a tuo marito per tutte le imprese!!
    ciao a presto
    Nunzia

  5. Bellissime queste borse, l'idea mi piace, ma prima dovrei passare i filmati in videocassetta su DVD 😀
    Tempo fa con le buste di plastica ho ricavato anch'io del “filo” da lavorare all'uncinetto e ne ho fatto delle farfalle, dei fiocchi e dei fiori che mia figlia e le sue amiche hanno usato come fermagli.
    Grazie per essere passata da noi.

  6. Ciao Anna carissima!
    Io non avrei capito assolutamente mai di cosa era fatta la borsa! Complimenti!
    Devi essere così fiera del tuo uomo, Anna, è uno dei nostri eroi, persone che tutti noi amiamo tantissimo, che ammiriamo per la loro generosità e per il loro coraggio! Posso capire che tu sia in ansia, ma pensa a tutte le persone che lui in questo momento sta aiutando!
    Ti abbraccio e PENSA POSITIVO!!!
    Riempiti il cuore e la mente di orgoglio e vai a testa alta!
    Ti abbraccio
    Giancarla

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...